Bonus Facciate 2020

Il Bonus Facciate consiste nella detrazione del 90% delle spese sostenute per il recupero delle facciate degli edifici ubicati in zona A (centri storici) e zona B (totalmente o parzialmente edificata) così come definiti ai sensi de DM 1444/68. Sono escluse le case isolate di campagna.

I lavori incentivati di recupero o restauro della facciata riguardano i costi per i cosiddetti interventi di manutenzione ordinaria; nello specifico sono incentivati gli interventi sulle strutture opache della facciata; i lavori su balconi, ornamenti, marmi e fregi; la pulitura della facciata; la tinteggiatura esterna dell’edificio. Rimangono esclusi gli interventi relativi agli impianti di illuminazione, gli interventi sui pluviali, sugli impianti termici e sui cavi esterni, sugli infissi (questi ultimi detraibili comunque al 50% con l’Ecobonus).

In caso di lavori che interessano l’edificio anche dal punto di vista termico, ovvero che interessi più del 10% della superficie disperdente lorda complessiva, questo dovrà soddisfare i requisiti di cui al decreto MISE 26 giugno 2015 e, in termini di trasmittanza termica, quelli di cui alla Tabella 2 del Decreto MISE 26 gennaio 2010. In tal caso si applicheranno le disposizioni relative al monitoraggio da parte dell’ENEA del risparmio energetico effettivamente conseguito.

Pertanto, i contribuenti che siano interessati alla detrazione del 90% e che hanno intenzione di realizzare ad esempio un cappotto termico, dovranno avvalersi di un tecnico per verificare che i lavori effettuati sulla facciata dell’edificio soddisfino i requisiti sopra citati.


Contatta il nostro Studio per approfittare di questi importanti incentivi!

Lo Studio - © 2020


Seguici inoltre su Facebook

Torna agli altri articoli.